Museo – ATTREZZATURE, PERSONALE E DOTAZIONI FINANZIARIE NECESSARIE PER ATTIVARE IL MUSEO – RISORSE DA REPERIRE

STRUTTURE

Aula didattica
Sedili con ripiano di appoggio
Sistema computer-proiettore-lavagna multimediale per la gestione delle attività didattiche

Aula multisensoriale
Sala con sistema audio-video che ricrea ambienti naturali a 360 gradi

Laboratorio botanico
Stereoscopi didattici
Stereoscopio con telecamera e sistema di proiezione video
Pressa per essiccazione campioni
Erbario didattico
Tablet per riconoscimento piante
PC per la catalogazione e la ricerca dei campioni d’erbario

Laboratorio etnobotanico
Tavoli da lavoro per la manipolazione piante
Laboratorio preparazione-estrazione-distillazione essenze vegetali
Laboratorio fibre e colori vegetali

Collegamenti
Linea telefonica
Linea ADSL
Sito internet
Indirizzo di posta elettronica

MATERIALI ESPOSITIVI PER ATTIVARE IL MUSEO

Telaio in legno per tessitura (due esemplari già disponibili, di cui da restaurare)
Vasi per preparati officinali e altri attrezzi della tradizione rurale (da acquisire)
Fotografie di piante spontanee di interesse alimentare, officinale, cosmetico, tintorio e conciario (da montare su quadri o su altri sistemi espositivi illuminati)
Campioni d’erbario (in parte già raccolti, da esporre nelle apposite bacheche)
Libri antichi e biblioteca specializzata di consultazione

MATERIALI DA METTERE IN VEDITA PER ATTIVARE IL MUSEO

Libro sulle erbe spontanee “Rugni, speragne e crispigne”
Manuale sulle collezioni d’erbario “Herbaria”
Altri libri e manuali sulle erbe spontanee e sulle ricette con erbe spontanee
Materiali della produzione artigianale locale e produzioni del Museo stesso

PERSONALE ESSENZIALE NECESSARIO PER ATTIVARE IL MUSEO

Un operatore per svolgere il lavoro di segreteria (gestione calendario visite didattiche, informazioni, comunicazione attività e modalità di visita, ecc.).
Due operatori per l’allestimento dei materiali delle esposizioni, per l’organizzazione delle aule didattiche, per le visite al giardino dei sensi e per lo svolgimento delle attività educative all’interno del museo.
Un giardiniere part-time per la manutenzione del giardino dei sensi.
Un operatore amministrativo a supporto dei rapporti e delle attività economiche del Museo.
Un direttore del Museo (da incaricare tramite concorso pubblico e sulla base di un adeguato profilo).
Personale volontario dell’associazione Accademia delle Erbe spontanee di Monte San Pietrangeli per lo svolgimento delle attività promozionali e per la realizzazione di corsi informativi aperti a tutti e di progetti didattici rivolti alle scuole.

ACCORDI NECESSARI PER ATTIVARE IL MUSEO

Accordo pluriennale tra l’Amministrazione comunale di Monte San Pietrangeli, proprietaria dell’immobile e dei locali dedicati al Museo etnobotanico, e l’Associazione Accademia delle Erbe Spontanee, che ha promosso ed elaborato il progetto museale e si occuperà della gestione di tutte le attività (espositive, di ricerca, informative e didattiche) del Museo etnobotanico.
Accordo tra il Museo etnobotanico-Accademia delle Erbe Spontanee con l’Orto Botanico “Selva di Gallignano” dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona per il supporto scientifico e la collaborazione didattica.

FONTI ECONOMICHE E FINAZIARIE PER ATTIVARE IL MUSEO

DA PARTE DEL COMUNE DI MONTE SAN PIETRAGELI
Sostegno da parte del Comune di Monte San Pietrangeli per le spese del personale (primi 3 anni)
Disponibilità di un giardiniere per la manutenzione del Giardino dei sensi
Supporto per le spese di istallazione dei collegamenti telefonici e internet
Fornitura di materiali e suppellettili di recupero

DA PARTE DI ALTRI ENTI
Finanziamento da parte della Provincia di Fermo-Regione Marche
Finanziamento da parte della Fondazione CARIFERMO
Finanziamento da parte di Aziende e Privati

Monte San Pietrangeli, 2 gennaio 2014
Prof. Fabio Taffetani
Presidente Accademia delle Erbe Spontanee